Il Vertice e L'Abisso

29-30 Ottobre 1994

Torna a Elenco Bollettini Torna a Elenco Locandine

 

Invito.jpg (27290 byte)

L'attitudine dell'uomo a leggere e rappresentare la realtÓ per mezzo di simboli costituisce una vera e propria funzione, articolata in un linguaggio, quello simbolico, che rende possibile la comunicazione tra la coscienza individuale, la realtÓ e il mistero.Innumerevoli miti di ogni epoca e sotto ogni latitudine narrano che la vita umana Ŕ suscettibile di vivere una crisi profonda tra perdita e riconquista, discesa ed ascesa, angoscia e coraggio esistenziale nel tentativo di riunire in sÚ i termini conflittuali di vita e morte.
Dal mito di Demetra e Kore alla torre di Babele, al mito di Icaro, alla discesa agli inferi degli eroi greci e di Dante ed infine all'incarnazione del Cristo, punto di incontro dell'ascesa dell'eros e della discesa agapica si delineano i percorsi della vita simbolica individuale e collettiva.
La ricerca di un senso e di un fine nel continuo allargamento della conoscenza e della coscienza di sÚ spinge l'uomo attraverso questi percorsi interiori verso il raggiungimento e l'attuazione di quel realismo psichico che consente di vivere la realtÓ per mezzo della rinnovata capacitÓ di relazione simbolica.

Atti del Convegno

Nel corso del convegno Claudio RisŔ, direttore della collana
"Immagini del profondo", presenterÓ
Il Vertice e L'Abisso: La simbologia dell'Ascesa e della discesa
sesto volume dei "Quaderni di Eranos"

Convegno realizzato con il contributo di:

log_red.jpg (4234 byte)